Uccise cinque persone: si è tolto la vita in carcere

redazione 16 marzo 2016

Giulio Murolo Strage Secondigliano 660x375 Uccise cinque persone: si è tolto la vita in carcere

É morto ieri sera all’ospedale Loreto Mare di Napoli, Giulio Murolo, 49 anni, in carcere dal 15 maggio dello scorso anno, quando dal balcone della propria abitazione, a Secondigliano, sparò all’impazzata uccidendo cinque persone e ferendone altre cinque. Murolo aveva tentato il suicidio tre giorni fa nel carcere di Poggioreale dove era detenuto, prendendo alcune pillole ed era stato portato all’ospedale Loreto Mare. Ricoverato in un primo momento nel reparto Medicina, per l’aggravarsi della sue condizioni era stato poi trasferito in Rianimazione dove è morto.
Murolo era un tiratore scelto, non aveva precedenti penali e in casa, in via Miano, oltre ad alcuni fucili da caccia regolarmente detenuti, aveva anche un fucile mitragliatore Kalashnikov – con matricola abrasa – e due machete. La sparatoria avvenne dopo un litigio di Murolo con i suoi parenti, vicini di casa, per alcuni panni stesi ad asciugare.

Tags: , , ,