Totalmente disabile, ma gioca a basket e corre alle elezioni

redazione 31 gennaio 2013

Di solito a poter usufruire della pensione per la totale invalidità sul lavoro sono persone non autosufficienti, spesso non in grado di camminare o di nutrirsi senza l’ausilio di un’altra persona, ma questa storia è diversa… questa storia è ancora più triste.

GUARIGIONI LAMPO E PROMOZIONI - Il protagonista si chiama Alberto Sarra ed è un avvocato calabrese, caro amico del presidente regionale Giuseppe Scopelliti. Tutto ha inizio nel 2010 quando Alberto era solo deputato regionale, ma da lì a poco di carriera ne avrebbe fatta, da lì a poco sarebbe stato colpito da uno choc emorragico che gli avrebbe per sempre cambiato la vita. Mentre lottava contro la morte, l’avvocato subì una delicatissima operazione, dopo la quale ci fù una rapidissima guarigione. L’uomo si riprese ad una velocità miracolosa e già dopo due settimane si trova ad essere uno dei fondatori del Partito del Sud, dopo tre dettava comunicati e partecipava alla vita del partito e dopo dodici diventa sottosegretario alla presidenza.

DISABILE - Con tutto questo lavoro e questa brillante carriera, nessuno avrebbe mai detto che il protagonista del nostro racconto potesse essere un uomo totalmente invalido. Nessuno se non lo stesso Sarra, che l’anno scorso richiese, e dopo poco ottenne, questo riconoscimento. A valutare le sue condizioni una preparatissima commissione, che, caso vuole, comprendeva fra i suoi partecipanti il Dottor Enzo Amodeo, cardiologo di fiducia di Alberto.

VITALIZI E PARTITELLE CON GLI AMICI - Col riconoscimento sono poi iniziati ad arrivare gli assegni. 7.490,33 euro al mese, ai quali si sono aggiunti 225.000 euro di arretrati. Dieci volte tanto quello che viene normalmente destinato ai disabili più gravi, ma Alberto Sarra è un caso particolare… lui non è uno di quei disabili ciechi o che hanno perso degli arti, lui gioca a basket e non sulla sedia a rotelle, ma guardando negli occhi il suo caro amico, il presidente della regione Calabria Giuseppe Scopelliti.

VERSO LA POLITICA ED OLTRE - Ora, dopo le insistenti domande dei giornalisti e lo sconcerto del presidente della federazione italiana delle associazioni di sostegno all’handicap, Alberto si è fatto sospendere il goloso vitalizio (attenzione! Sospendere! Non revocare! Può avvullare la sospensione!). Ma la storia non è ancora finita, perché quest’anno il nostro eroe si candidato come capolista del “Grande Sud”! Veramente niente male per un uomo totalmente e permanentemente ritenuto disabile per qualsiasi lavoro!

Viva l’Italia!

Tags: , , , , , , , , , ,