The Edge ospite del Papa: una rockstar nella Cappella Sistina

redazione 3 maggio 2016

immagine u2 The Edge ospite del Papa: una rockstar nella Cappella Sistina

Sabato sera la Cappella Sistina ha scandito il tempo del rock. Grande ospite in Vaticano, The Edge, chitarrista degli U2.

In occasione di una conferenza sulla medicina rigenerativa, il chitarrista del famoso gruppo, ha eseguito 4 brani: If It Be Your Will di Leonard Cohen; Yahweh, Ordinary Love e Walk On degli stessi U2.

Nell’atmosfera della Cappella di Michelangelo (<< La più bella del mondo! >>, parole sue) ad affiancarlo un coro di adolescenti irlandesi.

<< Quando mi è stato chiesto di essere il primo artista contemporaneo a suonare nella Cappella Sistina non sapevo cosa dire, perché di solito è un altro a cantare!>>. Uomo dei primati, non ultimo quello che lo ha visto occupare il 38° posto tra i migliori chitarristi al mondo (secondo la rivista Rolling Stones), non poteva non prendere parte alla conferenza che ha visto 200 dottori confrontarsi sul tema del cancro e le sue cure.

The Edge ha alle spalle una storia che lo ha visto in prima linea contro la malattia; dapprima con il padre, morto da poco, lo scorso 21 aprile; poi la leucemia della figlia, finalmente abbattuta. Molte le fondazioni che hanno potuto usufruire del suo aiuto.

In segno di gratitudine ha dedicato al Papa Walk On, canzone scritta dal gruppo in un momento delicato per il mondo intero, l’arresto di Aung San Suu Kyi: << Essendo irlandese, ho imparato molto presto che per essere invitati nuovamente è molto importante ringraziare il parroco locale! >>.

E le atmosfere bibliche di Cohen, poeta dalla “voce di rasoio”, non potevano mancare. Tanto meno gli applausi su <<If it be your will/I will sing to you/ from this broken hill.>>.  Una preghiera laica che ha visto l’incontro tra il sacro e il profano grazie al Papa, “il Papa della gente”, come lo ha definito il musicista.

 

Approfondimento: Link1; Link2.

 

 

Tags: , ,