Cinque Stelle scappano dai territori difficili

redazione 18 gennaio 2016

rosa capuozzo Cinque Stelle scappano dai territori difficili

Il Movimento Cinque Stelle ha lasciato il sindaco di Quarto, (Na), da sola appena l’ombra della camorra ha toccato un consigliere eletto nella sua maggioranza e dimesso. “È inutile avere le mani pulite se poi le si tiene in tasca. Il Movimento Cinque Stelle ha avuto l’occasione di combattere il malaffare in prima linea con un suo sindaco che lo ha fatto, ma ha preferito scappare a gambe levate, smacchiarsi il vestito, buttando anche il bambino insieme all’acqua sporca”. Lo dichiara Rosa Capuozzo, sindaco di Quarto (Napoli), espulsa dal Movimento Cinque Stelle.

“Non si governano così i Comuni e i territori difficili – aggiunge Capuozzo - non si abbandonano così migliaia di persone che hanno creduto in noi e nel Movimento. E’ una forma di rispetto che Quarto meritava: rimanere e combattere. E’ stata fatta una scelta politica in una stanza grigia di Milano. Io ho fatto una scelta di principio per i cittadini onesti di Quarto”. Ora, conclude Capuozzo, “lavoreremo per il territorio in modo ancora più incisivo con i principi del movimento nell’anima. Mi ripeto citando Don Milani: è inutile avere le mani pulite e poi tenerle in tasca”.

Intanto, dal Movimento continuano a replicare con l’estraneità alla vicenda.

“Quanto emerge nei verbali delle dichiarazioni rese da Rosa Capuozzo conferma che il MoVimento 5 Stelle non sia mai stato portato a conoscenza della natura ricattatoria delle ‘pressioni’ del consigliere De Robbio”. Lo affermano gruppi parlamentari del M5S di Camera e Senato in una nota congiunta. E “la stessa sindaca di Quarto – si legge ancora – pare accennare i primi riscontri sulle presunte minacce subite ai pm solo negli ultimi interrogatori della scorsa settimana”.

Tags: , , ,