Si dà fuori ad Arcore. La banca gli ha bloccato i fondi

redazione 14 dicembre 2015

carabinieri1 Si dà fuori ad Arcore. La banca gli ha bloccato i fondi

Ci sarebbe la disperazione per la decisione della banca di chiudergli il fido mettendo in serio rischio l’esistenza della sua società, dietro la decisione del 30enne cagliaritano che questa mattina si è dato fuoco davanti alla Villa San Martino di Silvio Berlusconi ad Arcore (Monza). E’ quanto avrebbe spiegato ai carabinieri che lo hanno soccorso spegnendo le fiamme che lo stavano avvolgendo, Claudio Usàla, (incensurato, con una compagna e un bimbo piccolo) che ha affermato di essersi sentito perso dopo aver saputo nei giorni scorsi dall’istituto bancario della chiusura della linea di credito indispensabile per far proseguire l’attività della sua agenzia pubblicitaria di Cagliari (la V-connect srl) che sembra impieghi 19 persone. Due giorni fa sarebbe quindi partito in nave dalla Sardegna alla volta di Milano e poi sarebbe giunto a Milano, anche se non è ancora chiaro perché avrebbe deciso di portare a termine il suo gesto estremo proprio davanti alla villa dell’ex premier. Di certo c’è che ha riempito una bottiglia di benzina, se l’è versata addosso e poi si è dato fuoco con un accendino. Ora l’imprenditore si trova ricoverato in osservazione all’ospedale Niguarda di Milano con 10 giorni di prognosi per ustioni di secondo grado alle gambe e al petto.

Tags: , , ,