Scandalo Michael Jackson: “Era un lurido”, parola delle cameriere

redazione 13 agosto 2014

Le ex cameriere del Re del pop raccontano tutto al New York Post.

musica Scandalo Michael Jackson: Era un lurido, parola delle cameriere

Continuerà a far parlare di se ora e per sempre il compianto Michael Jackson, morto cinque anni fa e mai dimenticato dai suoi fan. Questa volta a rivelare i dettagli più intimi del suo privato sono le sue ex cameriere che “spifferano” tutto al New York Post. Si parla di comportamenti privati, della sua vita all’interno di Neverland, il famoso ranch di sua proprietà e da tutto ciò non emergono di certo racconti positivi e pieni di elogi.

“Michael, ogni tanto, correva intorno agli animali e successivamente sporcava di cacca tutta la casa. Se tu gli dicevi qualcosa, lui minacciava di fare delle palle di neve di cacca e di tirartele addosso”.

Vengono svelati comportamenti “schizzofrenici” che descrivono Jacko intento a fare pipì sul pavimento dove aveva visto camminare la nota conduttrice tv Oprah Winfrey. Un comportamento che avrebbe poi ripetuto nel tempo in seguito alle accuse di molestie sessuali nei confronti di un minore nel 1993. Come ricorderete al tempo, il cantante offrì 20 milioni di dollari per il silenzio della famiglia del ragazzino:

“La sua vita cambiò dopo il 1993, quando ha dovuto pagare quel ragazzo. Era diventato la persona più sporca e anti-igienica di Hollywood”.

La sua camera da letto puzzava, Michael era diventato una persona depravata e tossicodipendente, e secondo le cinque donne era stato plagiato.
In tutta sincerità, certi commentini privati poco ammirevoli potevano anche essere risparmiati…

 

© Social Channel

Tags: ,