“Credo nella bontà”: Saviano parla a Sky TG24

redazione 25 aprile 2016

ROBERTO SAVIANO 650x433 Credo nella bontà: Saviano parla a Sky  TG24

Con il dibattito tra Renzi e le toghe degli ultimi giorni, diventa più che doveroso parlare di Stato e Giustizia. Difficile allora non considerare l’intervista rilasciata da Saviano ieri a Sky TG24. Un’intervista che mostra lo scrittore affacciarsi alla realtà con totale disincanto, d’altronde Saviano ci aveva già preparato il terreno con Gomorra.

Saviano afferma:<<Non credo più nella giustizia e tanto meno nelle istituzioni>>. Istituzioni che nel momento in cui escludono i giovani dall’universo del lavoro e non solo, non fanno altro che rendere vita facile alla criminalità.

Ciò che lo Stato esclude, i giovani, divengono oggetto preferito delle mafie. Ma anche qui come nella realtà di tutti i giorni <<se a 30 anni non sei ai vertici, non sei più nessuno.>>. Diventa allora difficile credere in uno Stato che non salva; non salva in primis dall’illegalità, sua ispirazione e aspirazione.

Saviano in passato, si era spinto oltre portandoci a riflettere su quale sarà il futuro della nostra società. Una società che strizza l’occhio alla cultura della jihad. La cultura jihadista, ha in comune con le associazioni criminali innanzitutto l’origine, la sua “manovalanza” la ricerca in ambienti criminali. Si radicalizza in pochissimo tempo: addestra senza lasciare tempo per pensare, offrendo come unica possibilità la morte, eterna ovviamente.

È una cultura che si fonda sull’ideologia, la bestia nera che ha portato in era nazista e comunista a genocidi e orrori di ogni sorta.

Contro l’ideologia mafiosa, allora, cosa ci salva? Saviano dice: << la bontà, il gesto semplice, gratuito, quasi immediatamente dimenticato>>. La Vita, diremmo con Grossman.

L’interrogativo che si pone lo scrittore è lo stesso del personaggio di Alexandra Vladimrovna in Vita e Destino”. Riferendosi ai figli dice:<<Raggiungeranno la felicità che cercano nei travagli delle loro scelte?>>. Con Saviano e Alexandra rispondiamo: <<Solo se vivranno da uomini, da uomini moriranno.>>.

ApprofondimentoLink1,Link2,Link3

Tags: , ,