Sarri a Mancini: “Frocio, finocchio”. La risposta: “Vergognati”

redazione 20 gennaio 2016

Maurizio Sarri Sarri a Mancini: Frocio, finocchio. La risposta: Vergognati

Bagarre tra Sarri e Mancini alla fine della partita  Napoli-Inter e che ha visto la qualificazione dei nerazzurri alle semifinali di Coppa Italia, incassando la vittoria per 2 a 0. Mancini si è alzato per chiedere spiegazioni al quarto uomo sui cinque minuti di recupero concessi. A quel punto Sarri si è indirizzato verso Mancini insultandolo. “Sarri è un razzista e gli uomini come lui non posso stare in campo - afferma Mancini in questo video – Io mi sono alzato solo per chiedere al quarto uomo il perché dei 5 minuti di recupero. Lui ha iniziato a inveire contro di me urlando, e dicendo ‘frocio, finocchio’. Le persone come lui non possono stare nel calcio sennò non migliorerà mai. Si deve vergognare, ha 60 anni. Il quarto uomo era lì, ha sentito e non ha detto niente”.

Mancini precisa che questo episodio “cancella tutto”: “Si può anche litigare in panchina ma lui è una vergogna. Negli spogliatoio sono andato a cercarlo, mi ha chiesto scusa. Ma uno che pronuncia quelle parole in Inghilterra non lo avrebbero neanche messo in un campo d’allenamento”.

Dal canto suo Sarri ha replicato, dicendo di essere arrabbiato per l’espulsione di Mertens.  (Ascolta le sue parole): “Io mi ero innervosito per la decisione su Mertens, non ce l’avevo assolutamente con Mancini - sottolinea Sarri- ho visto che si lamentava per l’entità del recupero. Sono cose da campo che dovrebbero finire in campo, ci si dà la mano e finisce tutto. Era meglio se non succedeva, però sono le classiche litigate da campo. Io gli ho chiesto subito scusa negli spogliatoi, era contrariato, però penso che domani accetti le scuse e mi aspetto che anche lui si scusi. Quando una persona viene a chiederti scusa, da uomini di sport si dovrebbe accettare”.

Per quanto riguarda gli insulti omofobi, Sarri spiega poi “non mi ricordo neanche cosa ho detto, ero uscito e può darsi che l’abbia offeso, ma è finita lì. Una litigata da campo in 10 secondi deve finire lì. Omofobo mi sembra un’esagerazione, era un insulto di rabbia senza secondi fini. Non ce l’ho con Mancini, ero nervoso e ho perso lucidità perché c’era un’ingiustizia forte”.

Tags: , , , , , , , , , , , ,