Il salto del canguro

redazione 22 gennaio 2015

817d8256262669f9988664ff352f48d1 Il salto del canguro

 

Dopo il mattarellum, il porcellum, è arrivato l’italicum, passato grazie ad una manovra denominata “super canguro”. Questo simpatico animale anziché saltare lui, come è solito fare nella sua terra australiana ha fatto saltare gli altri, per la precisione le minoranze di Pd e Fi spiazzandole e disarmandole arrivando al loro annullamento, almeno per ora. Il primo round della battaglia sulla legge elettorale è stata vinta dal patto del Nazzareno e cioè da Renzi e Berlusconi, che non si sono mai trovati così vicini come ieri sera.

 

Questo avvicinamento ha messo in subbuglio Bersani con la sua minoranza da una parte e Fitto dall’altra, riuscendo a disinnescare anche gli inutili strilli dei 5 stelle. A favore hanno votato 175 senatori, contrari 110 e due gli astenuti, un risultato che ha fatto dire a Renzi: “Un grandissimo risultato, ora la legge elettorale è molto più vicina”. Si, questo risultato ha dimostrato di quanto sia solido, nei numeri, il patto Renzi-Berlusconi dove quest’ultimo esce ancor più rafforzato dopo l’intesa con l’Ncd di Alfano. Per saper cosa succederà nelle prossime ore basterà attendere le contromosse delle minoranze, entrambe riunite per decidere un eventuale strappo, anche se forse attenderanno il banco di prova per l’elezione del Capo dello Stato per contarsi definitivamente ed attuare le rispettive scissioni.

 

Se ciò dovesse avvenire e cioè se Bersani e compagni per il Pd e Fitto e company per Fi, dovessero ritirarsi sull’Aventino, il campo sarebbe in mano ai renziani ed alfaniani con il supporto dei berlusconiani. Quello che potrebbe aprirsi davanti ai nostri occhi sarebbe uno scenario da fantascienza, o meglio da fantapolitica, perché alle prossime elezioni se Matteo, Silvio ed Angelino dovessero unirsi potrebbero dare origine ad una sorta di partito socialdemocratico, che potrebbe governare a lungo senza alcun timore e dove Renzi potrebbe esserne a capo, togliendo le castagne dal fuoco a Berlusconi per la leadership. Fantapolitica, forse, ma in politica come si sa, mai dire mai.

 

Roberto Olivato

Tags: ,