Sale il Pil nel Mezzogiorno

redazione 27 ottobre 2015

documento economia finanza  Sale il Pil nel Mezzogiorno

Il Mezzogiorno è ancora in crescita, anche se quest’anno dopo sette anni presenta il segno più. Secondo le stime dello Svimez, se nel 2015, il Pil italiano “dovrebbe crescere dello 0,8%” al Sud la crescita è appena di “un timidissimo +0,1%. Se confermata, – si legge nel Rapporto 2015 – si tratta comunque della prima variazione positiva di prodotto del Sud da sette anni a questa parte”.

Nel 2016 il Pil italiano dovrebbe crescere del +1,3% mentre al Sud si fermera’ a +0,7%. Al Centro Nord nel 2015 l’economia crescera’ dell’1% e nel 2016 dell’1,5%.

A concorrere positivamente per la crescita del 2016 l’andamento dei consumi finali, stimato in +1,3% al Centro-Nord e +0,8% al Sud. Su anche gli investimenti fissi lordi, +2% il dato nazionale, quale risultato del +2,5% del Centro-Nord e dello 0,5% del Sud. Se confermato, anche in questo caso si interromperebbe la spirale negativa dell’andamento degli investimenti fissi lordi al Sud iniziata nel 2007.

Sul fronte occupazionale, si prevede un aumento nazionale del +0,8%: +0,9% al Centro-Nord e +0,6% al Sud. Nel 2015 invece divergente la dinamica degli investimenti fissi lordi, +1,5% al Centro-Nord, mentre continuano a calare al Sud (-1%), anche per effetto della contrazione degli investimenti pubblici (-3%). In risalita l’occupazione, trainata in particolare dagli sgravi contributivi previsti: +0,9% al centro-Nord, +0,6% al Sud.

Tags: , ,