Riforme: il governo impone la “tagliola” e le opposizioni si ribellano

redazione 25 luglio 2014

Dopo le parole di Renzi, le opposizioni decidono di marciare sul Quirinale.

riforme Riforme: il governo impone la tagliola e le opposizioni si ribellano

Maria Elena Boschi annuncia la linea dura del governo, che si rende disponibile a migliorare il testo, ma non a stravolgerlo in vista della riforma del Senato. Da parte sua, Matteo Renzi replica dicendo che l’ultima parola spetta ai cittadini; intanto però, con l’esecutivo che impone la “tagliola”, le opposizioni (ovvero M5S, Lega e Sel) abbandonano l’Aula e marciano verso il Colle. Le parole che hanno fatto infuriare i gruppi dell’opposizione sono state pronunciate proprio dal presidente del Consiglio:

“In Italia c’è un gruppo di persone che dice no da sempre, e noi senza urlare diciamo ‘sì’. Piaccia o non piaccia le riforme le faremo! Io ho preso un impegno con i cittadini, quel 40,8%, che mi hanno votato. E su quell’impegno mi gioco la carriera”.

Dopo le preoccupazioni espresse da Giorgio Napolitano mercoledì sera, la maggioranza ha ottenuto il limite dei tempi: le riforme saranno votate entro l’8 agosto.

 

© Social Channel

Tags: ,