Raoul Bova evade il Fisco: “Sono addolorato, errore dei miei amministratori”

redazione 25 settembre 2013

bova3 Raoul Bova evade il Fisco: Sono addolorato, errore dei miei amministratori

Torna a conquistare le scene Raoul Bova, non solo per la presunta separazione dalla moglie, come e’ stato annunciato qualche giorno fa da Mattino Cinque, ma per un fatto ben piu’ grave che va a rovinare anche la sua immagine da bravo ragazzo. La Procura di Roma ha sequestrato in via precauzionale, in questi giorni, oltre 1 milione e mezzo di euro di beni all’attore.

Bova, a sua insaputa, avrebbe infatti eluso qualcosa come 680 mila euro, per colpa della Sammarco Srl, che si occupa dei suoi diritti d’immagine. Il mondo si e’ fermato per un istante, l’intera carriera di Raoul e’ crollata al suolo: accuse e critiche pesanti si sono alternate nelle ultime ore sul web. Tutto questo lo ha portato a scrivere un messaggio su Facebook a tutti, cercando di spiegare la sua estraneita’ ai fatti.

“Sono profondamente addolorato per quanto accaduto con il fisco italiano a maggior ragione perche’ sono sempre stato e resto impegnato, nella mia vita e nel mio lavoro di interprete e di produttore, nei valori sociali e nel rispetto dello Stato che ho sempre manifestato. Ho preso atto, a seguito delle contestazioni della Agenzia delle Entrate, del fatto che i miei amministratori hanno compiuto un errore di cui ora pago le conseguenze io”.

Raoul continua spiegando di aver trovato un accordo con l’Agenzia delle Entrate che lo porta da tempo a pagare quanto gli spetta: ennesimo gesto da bravo ragazzo, un gesto che pero’ non e’ servito per frenare il sequestro dei suoi beni.

“Proprio per questo sono profondamente ferito dall’accanimento che si sta operando su di me con un sequestro che non ha alcuna ragione di esistere, sia perche’ sto pagando il debito fiscale, di gran lunga inferiore al valore del sequestro, sia perche’, tengo a precisare, non ho commesso alcun reato, come detto e scritto, prima di questo provvedimento, da altri giudici penali. Mi hanno spiegato che il procedimento penale aperto nei miei confronti per una ritenuta elusione fiscale, nasce da un ritenuto abuso di un mio diritto e ci tengo a chiarire pertanto che non si tratta di una evasione fiscale, come riportato dagli organi di stampa e tantomeno riguarda questioni inerenti l’IVA”.

Raoul dice di non sentirsi un delinquente e non sopporta, per tanto, di essere trattato come tale. Al momento si e’ detto convinto di poter riuscire a dimostrare in tribunale la sua totale innocenza.

Tags: , ,