La prima “benedizione digitale” 2016 di Papa Francesco

redazione 10 maggio 2016

immagine art. Papa La prima benedizione digitale 2016 di Papa Francesco

ROMA – L’8 maggio, in occasione della Giornata mondiale delle comunicazioni social, Papa Francesco, da abile comunicatore qual è, ha fatto sentire la sua presenza.

Sui suoi profili social ufficiali di Instagram, @franciscus, e Twitter, @pontifex, nella mattinata di domenica è apparso un biglietto autografo, recante la sua benedizione.

Il Pontefice non è nuovo a queste uscite, tempi passati testimoniano ormai la sua abilità con i mezzi social. Come i padri conciliari, Bergoglio, comprende l’importanza cruciale delle comunicazioni, che possono gettare ponti tra le persone, le famiglie, i gruppi sociali, i popoli; come ha spiegato al Regina Coeli.

<<Auspico che il nostro modo di comunicare nella Chiesa, abbia sempre un chiaro stile evangelico, uno stile che unisca la verità e la misericordia>>. Il biglietto postato sul web non sembra tradire gli intenti: sua la grafia, sua la firma.

Già in altre occasioni aveva sottolineato come il web non fosse sinonimo di alienazione, di anonimato: <<Anche e-mail, sms, chat, reti sociali, possono essere forme di comunicazione pienamente umane. Non è la tecnologia che determina se la comunicazione è autentica o meno ma il cuore dell’uomo e la sua capacità di usare bene i mezzi a sua disposizione>>.

Ai suoi fedeli che dal web acclamano la sua vicinanza, anche solo per un loro caro ammalato, non manca di fare sentire la sua presenza, non scevra del calore che da sempre lo contraddistingue. L’intento ultimo è quello di dar vita ad una grande famiglia: <<Le persone esprimono il sentirsi familiari con Francesco, il sentirsi vicini>>, ha spiegato il prefetto della Segreteria per la comunicazione della Santa Sede, monsignor Dario Edoardo.

Ne emerge la presa d’atto della comunità digitale come di un “dono prezioso”: i social sono in grado di annullare le distanze, raggiungendo miriadi di persone semplicemente con un clic: il potere del mouse!

 

Approfondimento: Link1; Link2.

Tags: , ,