pena di morte per la donna inglese che introdusse cocaina in Indonesia

redazione 23 gennaio 2013

È stata condannata alla pena capitale, sentenza che ha lasciato a bocca aperta anche il suo avvocato: Linda Sandiford, arrestata il maggio scorso perché trovata in possesso di droga, è stata condannata a morte dalla corte di Bali.

234 pena di morte per la donna inglese che introdusse cocaina in Indonesia

IL REATO – La donna inglese l’anno scorso aveva cercato di introdurre in Indonesia cinque chili di cocaina nascosta tra i bagagli, per un valore di 1,5 milioni di sterline. Era stata costretta, secondo le sue parole, ad agire in questo modo perché coinvolta da una banda di trafficanti che avevano minacciato di fare del male ai suoi figli in caso non avesse collaborato come corriere: peccato che non sia riuscita a dimostrare la veridicità della sua tesi.

L1 pena di morte per la donna inglese che introdusse cocaina in Indonesia

LA CONDANNA – Il pubblico ministero aveva proposto 15 anni di reclusione, ma il giudice non ne ha voluto sapere: la giusta punizione è la pena di morte. Il giudice ha anche spiegato che con il suo gesto la Sandiford ha contribuito a danneggiare l’immagine del Paese come meta turistica e ha indebolito la dura battaglia contro il traffico di droga: “Non abbiamo trovato alcuna ragione per dare una pena più lieve”. In effetti non si è fatto intenerire dalle circostanze attenuanti proposte dalla difesa come l’età della donna, 56 anni, e la sua totale disponibilità a collaborare con le autorità locali. Ora il suo avvocato ha 14 giorni per ricorrere in appello e numerose sono le associazioni per i diritti umani che si sono mobilitate. Anche il Ministero degli Esteri inglese ha fatto sapere di essere in stretto contatto con le autorità indonesiane.

Tags: , , , , , , ,