Migranti, impronte. Ue: “Usare anche la forza”

redazione 14 dicembre 2015

migranti Migranti, impronte. Ue: Usare anche la forza

Bruxelles chiede all’Italia “un’accelerazione” nel “dare cornice legale alle attività di hotspot, in particolare per permettere l’uso della forza per la raccolta delle impronte e prevedere di trattenere più a lungo i migranti che oppongono resistenza”. Lo si legge nel rapporto di Bruxelles sull’Italia che verrà pubblicato domani. La Commissione sottolinea come “solo uno dei sei hotspot designati è pienamente operativo, a Lampedusa, e invita ad aprire a giorni altri due centri, Pozzallo e Porto Empedocle”

La procedura di infrazione della Ue contro l’Italia per la gestione dei migranti “è ingiusta”. Lo ha affermato il ministro dell’Interno, Alfano, a Milano per la presentazione del suo libro. “E’ irragionevole”, ha aggiunto. Sulle impronte digitali: “La Ue ci chiede di usare la forza? Ci sono sentenze che l’autorizzano, ma deve essere proporzionato”. Alfano si è poi riferito al piano Ue che prevede hotspot ma anche ricollocamenti: “La linea italiana è che centri di identificazione, delocation e rimpatri vadano insieme”

Tags: , ,