Marco Mengoni, un eroe: “Sono un X-Man che sa piangere”

redazione 22 novembre 2013

mengo5 Marco Mengoni, un eroe: Sono un X Man che sa piangere

Bello, bello come il sole: tratti morbidi, perfetti, occhi e capelli scuri, barbone nero. Dopo i suoi recenti successi, ultimo tra i quali il concerto americano all’ Hit Week (importante kermesse di musica italiana nel mondo) il fenomenale Marco Mengoni ha deciso di parlare di se, raccontando a Vanity Fair il suo anno d’oro.

 

“Questo e’ stato un anno di lavoro duro. Non un gioco. In certi momenti, sentivo il bisogno di avere un clone. Poi mi ripetevo ‘Dai, su, hai 24 anni: se non dai il massimo adesso, quando?’”.

Sono migliaia i fan che lo seguono in giro per l’Italia, molti anche in giro per il mondo, pronti a percorrere ogni distanza con gioia, con il sorriso stampato sul volto, perche’ l’emozione piu’ grande e’ sentire Marco cantare. Dopo un tour di sold out, di energia pura e di record assoluti, Mengoni e’ arrivato anche al cinema, dove ha presentato il suo #Prontoacorrereilviaggio. Proprio all’interno del cofanetto, il cantante di Ronciglione viene descritto come un eroe, ma lui ci tiene a precisare:

“Sono un eroe che piange. Se provo un’emozione forte, e’ facile che mi escano le lacrime. Per questo amo gli eroi latini, non quelli greci. E mi piace pensare di avere dei poteri, ma sono anche per il difetto che si vede. Sono un X- Man sul palco, su quell’accrocchio di ferro e legno. Io, che per timidezza non telefonavo agli amici, che fno a poco tempo fa avevo problemi a chiamare un taxi o un ristorante da prenotare, li’ mi sento a casa: un ‘Cesare’”

E con lui altri migliaia e migliaia di fan riescono a sentirsi a casa ammirandolo su quel palco, dal quale gli auguriamo di non scendere mai.

 

© OBBLIGO DI CIRARE LA FONTE

Tags: , ,