“Un nuovo look” per il poliedrico MARIO AUGERI, figlio di Napoli!

redazione 23 ottobre 2012

51701 Un nuovo look per il poliedrico MARIO AUGERI, figlio di Napoli!

Con Mario Augeri, Napoli “partorisce” l’ennesimo figlio artistico di pregio! Cantante e attore, dotato di una naturale propensione all’intrattenimento, è sui palcoscenici… praticamente da sempr! definito come autentico “cantattore” dal giornale Il Mattino, Mario Augeri – nel corso della sua carriera – si è esibito di fronte a pubblici di ogni genere ed età.

I TRASCORSI – Studia recitazione con Antonio Casagrande, si diploma a Napoli alla Bottega Teatrale del Mezzogiorno insieme a Maurizio, figlio del grande attore napoletano. Nel contempo prende parte a diversi spettacoli musicali teatrali, cantando anche con l’indimenticabile maestro Roberto Murolo. E’ proprio in quel periodo che decide di unire all’arte teatrale quella canora, interpretando canzoni in modo originale in uno show musicale inventato e tagliato su misura per sé, decretato “successo” dal pubblico. Si esibisce davanti a platee diverse ed internazionali, ampliando sempre di più il suo bagaglio di esperienze e conoscenze musicali. Suona in Italia e all’estero, prendendo parte a  numerosi  tour , con ospiti  quali Tony Renis, Luca Ward, Lando Buzzanca e molti altri. Si esibisce per industrie automobilistiche, case farmaceutiche, ministeri ed è protagonista di eventi musicali come gli Europei e i Mondiali di ballo tenuti tra Germania ed Austria.

ESORDIO DISCOGRAFICO – Ha da poco inciso, con la produzione artistica di Danilo Minotti, il suo album d’esordio “Un Nuovo Look, di cui è autore , compositore e cantante. Con la partecipazione di musicisti italiani tra i più talentuosi e conosciuti, ha saputo realizzare un disco ricco di forza e melodia, caratterizzato da generi diversi: dal pop al rock, dal blues al funky. Un disco nel quale la componente umana torna finalmente ad essere protagonista a dispetto di quella elettronica. Tutti i brani sono stati tutti eseguiti da musicisti italiani di primissimo livello. La produzione artistica è  stata affidata al maestro Danilo Minotti, che ha scritto gli arrangiamenti degli archi e dei fiati, oltre  ad aver suonato tutte le chitarre e curato il missaggio dell’intera produzione. Al pianoforte troviamo  le mani di Salvatore Mufale, la batteria è stata percossa con maestria da Beppe Basile, e al basso l’altissimo Paolo Costa, già strumentista per parecchi anni con Claudio Baglioni. Gli Hammond e i Rhodes sono un’opera unica di Giovanni Boscariol.  Infine, last but non least, il mastering è stato realizzato dal pluridecorato Lorenzo Cazzaniga.

 

Tags: