In poche ore uno scatto di Elisa diventa virale sul web

redazione 13 maggio 2016

foto toffoli In poche ore uno scatto di Elisa diventa virale sul web

Che i social regalino a chiunque un po’ di popolarità è cosa nota. Non a tutti, però, sarà capitato di collezionare 18mila like in un solo giorno, almeno che non si sia una star dello show business.

Questo è quello che è accaduto, ad Ilaria Cadorin, giovane psicologa, che in una mattinata qualunque, ha incontrato in treno Elisa Toffoli. Quanto mai inaspettato l’incontro, la donna non ha potuto trattenersi dallo scattare una foto. La pubblicazione su Facebook, d’obbligo.

In molti potrebbero pensare: Come sua fan, ha colto l’occasione! Niente di tutto ciò: a passare inosservata è stata la semplicità dell’artista. Le riviste patinate ci hanno abituati a personaggi famosi super scortati che anche in pieno giorno non mancano di sfoggiare lustrini e paillettes.

L’11 maggio Ilaria non ha visto niente di tutto ciò: Elisa appare con un jeans ed una felpa, intenta a leggere uno dei suoi libri preferiti come un qualsiasi viaggiatore.
Lo scatto ritrae una persona comune(!)

In un’era dove però l’idolatria è dietro l’angolo, dove il mondo della musica è popolato di “miti “e “leggende”, l’artista appare fuori dal normale: a-normale un vestire semplice, a-normale l’aiuto di una neo mamma (seppur volto noto della musica) verso un’altra mamma in difficoltà.

<<Penso a tutte quelle donne che ostentano una ricchezza che non hanno, né materialmente né tanto meno, umanamente. Penso a quelle donne che hanno bisogno di mascherarsi per nascondere il loro senso di inadeguatezza e la loro pochezza.>>, queste le parole di Ilaria.

Umanità la parola chiave: il mondo troppo spesso è circondato di ombre le cui impronte sono senza identità. A molti sarà capitato nel descrivere una persona, menzionare non il tipo di scarpe bensì il marchio, non l’abito bensì lo stilista. Poco conto ha lo spirito che vi è nascosto: siamo maschere in circolo direbbe Pirandello.

Approfondimento: Link1;Link2.

 

 

 

Tags: , ,