Immigrazione, Naufragio al largo della Libia: “Uno scafista ha provocato collisione”

redazione 21 aprile 2015

naufragio Immigrazione, Naufragio al largo della Libia: Uno scafista ha provocato collisione

Foto: Mohammed Ali Malek e Mahmud Bikhit, presunti scafisti arrestati a Catania.

 

Per cercare di sopravvivere non potevano fare altro che aggrapparsi ai corpi morti dei migranti che erano partiti con loro, cercando di usare le ultime forze per non finire in pasto agli abissi. Questo è quanto emerge dallo straziante racconto fatto dai 28 sopravvissuti all’ecatombe al largo della Libia: “Il barcone si è scontrato con il mercantile portoghese. Lo scafista nel tentativo di nascondersi ha perso i comandi”.

 

L’imbarcazione avrebbe quindi sbattuto contro una nave portoghese King Jacob, a causa della scarsa attenzione alla guida da parte dello scafista.

“Ci siamo aggrappati ai morti, abbiamo sentito il rumore dei motori e abbiamo urlato con tutte le forze che ci rimanevano”, hanno continuato a spiegare i sopravvissuti.

 

Al momento resta ancora difficile da chiarire il numero delle persone che hanno perso la vita nel naufragio: i superstiti parlano di un numero di passeggeri compreso tra i 400 e 950, ma per le stime fatte a bordo potrebbero esserci stati 850 migranti.

 

© Social Channel

Tags: ,