Il pubblico sembra non gradire la satira… ma lo show finisce tra applausi scroscianti

redazione 13 febbraio 2013

Attimi di tensione ieri sera sul palco dell’Ariston dopo la prima parte dell’attesissimo intervento di Maurizio Crozza. Il popolare comico genovese aveva appena terminato di cantare una canzoncina satirica nei panni di Silvio Berlusconi e dalla platea sono cominciati ad arrivare alcuni fischi, qualche milanesissimo “Pirla!” ed espliciti inviti ad andarsene! Qualcuno ha gridato “Basta politica!“, mostrando non gradire il taglio del suo mini-show; poi si saprà che i disturbatori erano due organizzati già noti, entrati in sala proprio con l’intendo di creare caos. Crozza, molto intelligentemente e in omaggio alla par condicio, dopo un intervento di Fazio che invita alla calma generale,prosegue imitando e sbeffeggiando gli avversari dell’ex Premier, Bersani e Ingroia… e questa volta l’applauso è totale!

large 130212 231541 bas120213spe 00103 Il pubblico sembra non gradire la satira... ma lo show finisce tra applausi scroscianti

BELLE CANZONI – Tutto è bene quel che finisce bene si potrebbe dire; il conforto generale è alimentato dalle buone reazioni anche nei confronti dei brani finora presentati, tutti di buona fattura… quasi quasi spiace che non ci sia qualche bella “ciofeca” sulla quale infierire con ferocia! Per il momento si distinguono – con prodotti discografici diversi ma altrettanto di qualità – Marco Mengoni e Daniele Silvestri. Poco festivaliero e neanche molto ispirato Raphael Gualazzi, artista sempre fortemente sopravvalutato. Il meccanismo della doppia canzone per artista è carino, anche se è più che altro un mezzo per stimolare ulteriormente l’utilizzo degli sms a pagamento, per la felicità delle società telefoniche.

MENGONI copia Il pubblico sembra non gradire la satira... ma lo show finisce tra applausi scroscianti

IL MOMENTO PIU’ POP-OLARE – Certo, un premio alla carriera a Toto Cutugno con tanto di esibizione in compagnia del Coro dell’Armata Rossa è il massimo del kitch ma, come si dice,,, de gustibus! E poi Toto è così “nazionalpopolare” che accontenta tutti o quasi.

Cutugno Armata Rossa Il pubblico sembra non gradire la satira... ma lo show finisce tra applausi scroscianti

LA BATTUTA DELLA SERATA – E’ firmata Luciana Litizzetto, padrona di casa del festival, apparsa abbastanza a suo agio (a parte l’incertezza sui tacchi alti) in questo ruolo per lei inedito: “E’ vero che i ristoranti sono pieni come dice qualcuno… ma di gente che cerca un posto da cameriere! Io mi fido di chi dice che restituisce l’IMU… ma mi piacerebbe avere i soldi prima di andare a votare“.

large 130212 213651 bas120213spe 0016 Il pubblico sembra non gradire la satira... ma lo show finisce tra applausi scroscianti

LA CHICCA DELIRANTE - Nel suo programma radiofonico “Comunque vada sarà Sanremo”, ieri Piero Chiambretti ha intervistato Alì Agca (l’uomo che nel 1981 sparò al papa) sulla kermesse e lui ha risposto: “Faccio appello ai cantanti perchè dedichino le loro esibizioni a Emanuela Orlandi, sperando finisca la sua tragedia“. Non c’è davvero limite alla follia.

Tags: , , ,