IL CRACK DI CIPRO FA TREMARE LE BORSE MONDIALI

redazione 19 marzo 2013

Il balzello “salva-Cipro” da 10 miliardi di euro, basato su un prelievo forzoso da 5,8 miliardi sui depositi bancari del paese crea il caos su tutte le borse : quelle asiatiche arretrano, con un calo giapponese da record, mentre l’euro passa sotto 1,3 nei confronti del dollaro e l’oro rimane l’unico bene rifugio, quotato circa 1600 dollari l’oncia. E lo spred vola…

20130318 cyprus handsoff IL CRACK DI CIPRO FA TREMARE LE BORSE MONDIALI

DEPOSITI TASSATI – La decisione – presa nella notte tra venerdì e sabato all’Eurogruppo – di allestire un prestito da 10 miliardi per Cipro ha gettato nel panico gli investitori. Non tanto per le dimensioni dell’intervento, quanto per l’inedita scelta di applicare una tassa una tantum sui depositi bancari: una tassa del 6,75% e del 9,9%, rispettivamente per le giacenze inferiori e superiori a 100mila euro, per un contributo totale previsto a 5,8 miliardi.

LA DECISIONE DA PRENDERE – Domani pomeriggio si saprà se il Parlamento cipriota ratificherà o meno il piano di salvataggio negoziato con l’Unione europea. In vista di questo fondamentale decisione, il governo sta lavorando a un piano per smorzare l’entità del prelievo sui conti bancari dei piccoli risparmiatori che, come al solito, sono quelli più penalizzati. L’Eurogruppo ha concesso a Cipro maggiore flessibilità sull’applicazione della tassa. Tuttavia le banche cipriote resteranno chiuse fino a giovedì per evitare che i cittadini, presi dal panico, possano in massa ritirare i propri soldi dai conti correnti.

Tags: , ,