IL CAPO DELLA POLIZIA OPERATO – CON SUCCESSO – D’URGENZA

redazione 25 febbraio 2013

manganelli IL CAPO DELLA POLIZIA OPERATO   CON SUCCESSO   DURGENZA

Qualcuno ha trovato la voglia (e il cattivo gusto) di ironizzare sul rapporto fra il capo della Polizia Antonio Manganelli e il suo cognome, di chiara matrice… repressiva. Noi ci limitiamo a registrare la cronaca di una giornata, quella di ieri che – dopo un malore nel primo pomeriggio – l’ha visto ricoverato d’urgenza e prontamente operato per la rimozione di un ematoma cerebrale causato dalla rottura di un vaso sanguigno, intervento che – secondo il bollettino medico successivamente emanato – ha avuto esito positivo. In seguito una nottata trascorsa in tranquillità anche se Manganelli rimane sedato nel reparto di terapia intensiva del San Giovanni di Roma con prognosi riservata.

COMANDO AD INTERIM – In questo periodo, le funzioni saranno svolte dal vice capo vicario della Polizia Alessandro Marangoni. Nella giornata di ieri, alte cariche dello Stato si sono messe in contatto con l’ospedale per avere notizie sulle sue condizioni.

UNA VITA PER LO STATO – Antonio Manganelli, 62 anni,  è al vertice del Dipartimento della pubblica sicurezza dal  2007. Negli anni ottanta, quando prestava servizio presso il Nucleo Anticrimine della Polizia, ha collaborato attivamente con Giovanni Falcone e Paolo Borsellino. Lo scorso 15 febbraio, durante la rituale cerimonia pubblica per l’inaugurazione dell’anno accademico della Scuola superiore di polizia, Manganelli in un breve discorso ha confermato – ancora una volta – il suo impegno per coniugare la libertà delle persone con la loro sicurezza, due cose che spesso confliggono tra loro.