I nostri due marò sempre più in alto mare

redazione 15 ottobre 2014

marò I nostri due marò sempre più in alto mare

 

Forse molti non se ne rendono conto ma i due sottufficiali della nostra Marina Militare, i marò Massimiliano Latorre e Salvatore Girone, sono in arresto in India dal 19 febbraio 2012 niente po’ po’ di meno ché, da ben ventotto mesi, senza che in questo grandissimo lasso di tempo, si siano fatti passi avanti verso la loro scarcerazione. La vicenda paradossale si trascina fra corsi e ricorsi degli avvocati, con prese di posizione dell’intero nostro mondo politico che, senza alcuna distinzione di colori e di correnti, si è sempre dichiarato favorevole ad una rapida liberazione dei nostri due militari. Ci mancherebbe altro!

Chi è quello sprovveduto, od incosciente, che a fronte di norme internazionali che definiscono, in maniera esplicita, l’ingaggio a cui i Reparti facenti parte dei nuclei antipirateria devono scrupolosamente attenersi per accordi, ma soprattutto per disciplina militare, ebbene chi sarebbe lo screanzato che potrebbe appoggiare la tesi indiana dell’omicidio? Il governo di Nuova Dheli ha sostenuto, sin dall’inizio, l’accusa che i nostri due militari abbiano ucciso due pescatori, scambiati per pirati, in acque territoriali dell’India. Non sono bastati rilievi satellitari e nemmeno la strumentazione di bordo, che la polizia locale ha detto essere guasta e pertanto inattendibile.

Osservando bene la vicenda si nota l’abilità indiana nel burlarsi non solo dell’Italia ma anche del diritto internazionale, essendo riuscita a posticipare la data del processo in più di un’occasione, le ultime due : il 31 luglio, a seguito di un’indisposizione del giudice, l’udienza è slittata allo scorso 14 ottobre ma, colpo di scena, anche questa data è stata spostata al 20 febbraio 2015, data del rientro dall’Italia di Latorre, a casa per cure mediche. La beffa di tutta questa vicenda è che l’India, come se fosse dalla parte della ragione, ha avuto la sfrontatezza di sospendere, in una sorta di ricatto, una commessa di 12 nostri elicotteri. Per quanti altri anni ancora, i nostri due militari, la nostra diplomazia e tutti noi italiani dovremo continuare a sopportare i capricci dei tribunali indiani?
Roberto Olivato

Tags: , , ,