I CONSIGLI DI CHEF BATAVIA: la zucca!

redazione 14 settembre 2015

Ciao a tutti!

E’ giunto il periodo della zucca, alimento che in tutta Italia è molto apprezzato, quindi ho pensato di darvi qualche informazione riguardo questo ortaggio.


Per prima cosa, la zucca fa benissimo: innanzitutto, non ingrassa e grazie alle fibre facilita lo svuotamento intestinale. Quindi la digestione ne beneficia, ma anche tutto l’organismo ne giova: è rinfrescante ed emolliente, grazie all’altissimo contenuto in acqua, alla vitamina A e ai carotenoidi ed anche se se proteine e grassi scarseggiano, vitamine come quelle del gruppo B e C abbondano, tra i minerali, oltre al potassio spiccano il magnesio e lo zolfo. Infine, l’acido salicilico ne fa un alleato contro le malattie da raffreddamento.


In Italia si può coltivare la zucca su tutto il territorio nazionale, in particolare al Nord in Emilia-Romagna, nel Veneto e in alcune zone della Lombardia, al Centro nel Lazio e nel Sud in Campania e Puglia. La produzione è stimata in 11mila tonnellate l’anno, una quantità probabilmente sottovalutata in quanto la zucca viene prodotta da innumerevoli piccoli coltivatori.


Tra i tipi di zucca, quelle più tipiche sono la zucca di Castellazzo Bormida, coltivata da secoli nella pianura alessandrina, la zucca Lardaia, specifica del Valdarno e dell’Aretino, prodotta in 50 quintali l’anno, cucinata fritta e ripassata nella salsa di pomodoro, la zucca Marina di Chioggia, che nel Veneziano ha salvato dalla fame generazioni di contadini, e la curiosa zucca da maiali, utilizzata quando è matura come alimento per i suini, ma la cui pianta è un’ottima produttrice di fiori da fare fritti o ripieni con carne, pane e latte e di cui si impiegano anche le zucche immature, piccole e tonde, lessate oppure a “buglione” (con pomodoro e odori).


Dopo questa panoramica riguardante la zucca, le sue proprietà e le varie tipologie esistenti in Italia, vorrei darvi un piccolo consiglio: non buttate via i semi di zucca! Dopo averli sommariamente puliti, potete essiccarli (con o senza aggiunta di una spolverata di sale) in forno a 80°C mantenendo lo sportello semiaperto per circa quattro ore, ottenendo uno stuzzichino. Se consumati freschi, invece, i semi di zucca sono anche ottimi medicinali per combattere le infiammazioni delle vie urinarie e i vermi intestinali.


Nicola Batavia


© Social Channel

Tipi di zucca I CONSIGLI DI CHEF BATAVIA: la zucca!

Tags: , , , , , , ,