GIANPAOLO TARANTINI pazzo di… SILVIO!

redazione 14 dicembre 2012

Ne abbiamo davvero sentite di tutti i colori intorno ai festini di Arcore e alle presunte debolezze di Silvio Berlusconi. Questa volta però vogliamo parlare di  lui in maniera diversa, attraverso gli occhi di un amico speciale.

BARI COME MILANO – Al palazzo di Giustizia di Bari sfileranno in aula le escort ingaggiate per le serate di Arcore: le fanciulle ai tempi erano state trovate grazie alla mediazione dell’imprenditore Gianpaolo Tarantini. Niente processo abbreviato, ma rito ordinario anche qui come a Milano. Racconti e registrazioni di ciò che accadde alle feste con tanto di scatti fotografici nelle toilette. Insomma, c’è tanta carne al fuoco!

LUI, UN VERO AMICO – Sono stati rivelati anche i dettagli del rapporto che si era stabilito tra Silvio Berlusconi e Gianpaolo Tarantini, confessioni risalenti al 2009: Tarantini si sentiva molto legato a Berlusconi da un’amicizia profonda che custodiva con gelosia quasi maniacale, tanto che per lui avrebbe fatto davvero di tutto. “Ho conosciuto il presidente e sono completamente impazzito. Per me non era un problema spendere 50 mila euro per portargli le ragazze. Tornavo a casa come un bambino scemo. Per me in quel momento della mia vita esisteva solo lui. Tornavo a casa mi sentivo i cd con le sue musiche, in macchina c’erano solo canzoni e musiche di Berlusconi. A mia figlia ho insegnato a memoria ‘meno male che Silvio c’è’”. In effetti questa sembra una sentitia dichiarazione d’amore… o di sottimissione!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Tags: , , ,