“Essere gay è una brutta malattia”, Il prof si difende: “Non sono omofobo”

redazione 17 novembre 2014

scuola Essere gay è una brutta malattia, Il prof si difende: Non sono omofobo

 

“Ho detto ‘essere gay non è una brutta malattia’. Ma quale omofobia”.

Il professore di una scuola superiore di Assisi, accusato di aver picchiato un 14 enne, insultandolo in classe, prende parola per difendersi dalle accuse e dalla denuncia giunta dalla famiglia dello studente.
In base alla versione del prof, il ragazzo era seduto scomposto:

“Sono passato e gli ho dato un calcetto, l’ho strattonato e gli ho detto ‘metti dentro le gambe’”.

Secondo il racconto dello studente, confermato da tre compagni di classe, il professore avrebbe detto: “E’ brutto essere gay e tu ne sai qualcosa”.
Parlando al Corriere, l’uomo ha smentito l’accaduto e ha precisato:

“Stavo spiegando l’importanza di tutelare la privacy riguardo a razza, idea e tendenza sessuale, quando i ragazzi si sono messi a fare gli spiritosi”.

In attesa di far chiarezza sulla vicenda, la preside dell’istituto ha deciso di spostare lo studente di sezione.
Intanto il ministro dell’Istruzione, Stefania Giannini, ha chiesto al preside di Assisi una relazione, descrivendo come “gravissimo” questo episodio.

 

© Social Channel

Tags: , ,