ESCLUSIVO, L’intervista AUDIO a Manolo, autore del video che ha fatto arrabbiare Balotelli: “E’ emerso il mostro razzista tipico italiano, ma io non sono così”

redazione 26 giugno 2014

Ecco l’intervista audio che Manolo ha concesso a Mirko Scarcella.

Dopo aver raccolto le sue primissime dichiarazioni esclusive, Social Channel vi mostra l’intervista audio esclusiva che Mirko Scarcella ha fatto a Manolo, ragazzo pugliese 32 enne che ha mandato su tutte le furie Mario Balotelli per colpa di un video pubblicato sui social network. Manolo vive a Londra da due anni, conduce una vita normale, o almeno così è stato fino a quando ha deciso per puro caso di condividere un video, “quel video” via Instagram, taggando direttamente Balotelli.

L’idea nasce in seguito alle dichiarazioni di Buffon:

“Essendo un italiano che ci mette l’anima in tutto quello che fa, ci sono rimasto male nel vedere che questi ragazzi giovani si siano mostrati così viziati. E’ stato Balotelli a parlare del colore della pelle, ma non era mia intenzione parlare di quello. Il ‘ritirati’ che gli ho rivolto, dalle mie parti significa ‘Vai a casa’”.

La critica che Manolo voleva fare era quindi rivolta al Balotelli calciatore e non aveva alcun fine razzista:

“Lui non può rappresentare il calcio italiano, ma non perché è nero. E’ stato lui il razzista contro di me attraverso quello che ha scritto, io non mi sono permesso di dire nulla, non era il discorso che volevo far passare”.

Manolo si trovava a casa con la sorella, ha registrato il breve clip e non ha fatto altro che condividerlo senza alcun problema, senza malizia: nel giro di pochi minuti però è stato lo stesso SuperMario a pubblicarlo sul suo profilo, commentando aspramente le critiche ricevute. Ed è scoppiata subito la polemica!

“Non capisco questa rabbia, è uscito il mostro razzista tipico italiano, anche se io non sono così”.

Per mettere a tacere le critiche, gli aspri commenti che hanno di certo colpito Mario e che hanno anche preso di mira Manolo, il ragazzo pugliese ha deciso di rivolgere il suo personale consiglio al campione del Milan:

“Gli consiglio solo di essere un po’ più umile, di sentirsi fratello con chi gioca. Vorrei vedere la Nazionale come nel 2006 con gente che corre l’uno per l’altro. Deve solo crescere ed essere più sereno”.

Ed è quello che gli auguriamo tutti.

 

© Social Channel

Tags: , , , ,