ESCLUSIVO, Barbie style: l’intervista esclusiva con la blogger Clizia Incorvaia

redazione 9 ottobre 2013

BABBB ESCLUSIVO, Barbie style: lintervista esclusiva con la blogger Clizia Incorvaia

E’ affascinante, determinata, ma soprattutto simpatica: chi si limita a giudicarla per il suo aspetto fisico rischia di perdere la vera essenza di Clizia Incorvaia, splendida donna dello show business italiano, e non solo. Vi siete per caso imbattuti in una deliziosa fanciulla che indossasse una maschera da Barbie in giro per il mondo, tra serate mondane e Fashion Week? Quella deliziosa creatura e’ proprio Clizia!

Clizia nasce con la passione della moda: inizia lavorando per una rivista patinatissima di Vittorio Corona che si chiamava ‘Moda’ e sognava di fare la stilista. Poi pero’ arriva una laurea in Scienze della Comunicazione in Cattolica e inizia la sua carriera da modella, prima di sbarcare in televisione, su Sky con “Glamourshots”. Dal suo amore per la moda, viaggiando e muovendosi tra varie esperienze, Clizia ha dato vita al blog piu’ cool che possiate provare sul web: Il punto C. Definirlo solo un fashion blog potrebbe essere banale, perche’ cio’ che la bella blogger va a fare e’ qualcosa di molto piu’ profondo, particolare… “diverso”. Perche’ la diversita’ non e’ di certo un peccato mortale!
Social Channel ha deciso di contattarla, per poter scoprire che cosa si nasconde dietro la sua maschera da Barbie, dietro a questa giovane donna che riesce a dire la sua con grande sincerita’ e semplicita’.

“Ho sempre avuto la passione per la moda da quanto era piccola. Poi pero’, osservando il fenomeno di queste blogger che stanno spopolando sul web, diventando una realta’ molto forte anche per le aziende, sotto suggerimento di Elio Fiorucci che e’ un mio caro amico, mi sono detta ‘Perche’ non provare anche io?’”.

E il suo tentativo e’ andato a buon fine: Il Punto C e’ la pagina aperta su un mondo reale, semplice, concreto, ben diverso da quanto si possa trovare in giro.

“Volevo fare qualcosa di diverso, ce ne sono tante di ragazze carine che sono li’ e si espongono con i loro capi e la loro attitudine alla zoolander. Io non volevo essere cosi’ e allora visto che loro giocano ad essere le bambole perfette, un po’ Barbie per l’appunto, ho deciso di indossare questa maschera, diventando anche io la donna perfetta”

Quella maschera ha creato non poche polemiche, ha saputo dividere l’opinione pubblica, ma e’ diventata il suo grande marchio di fabbrica: dietro a quell’immagine del volto di Barbie vi e’ un intero mondo, un grande mistero che Clizia prova a spiegarci:

“Puo’ voler dire che la moda e’ stagna, e’ ferma e quindi c’e’ bisogno di cambiamento, oppure vuol dire che la bambola e’ statica e noi siamo esseri in movimento. Oppure puo’ significare ‘Ehi, giochiamo, non prendiamoci troppo sul serio’! La moda non e’ una cosa seriosa come appare, ma e’ un gioco, un divertimento. Sperimentiamo donne e magari risulteremo anche piu’ sexy”

Alcuni non hanno saputo cogliere la sua ironia, non hanno saputo dare il giusto peso a questa sua attivita’. La bella blogger non ama dover spiegare cio’ che per lei significa quella maschera, poiche’ preferisce lasciare libera interpretazione a chi la segue giorno dopo giorno. Va detto pero’ che grande scandalo e’ nato in seguito alla sua partecipazione a una festa religiosa, quella di San Calogero:

“Non e’ stato capito, pensavano che la Barbie fosse uno scimmiottare, un prendere in giro il Santo. Non ci vedo nulla di male, perche’ non indossavo la maschera di Cicciolina. Quella bambola era il giocattolo delle bimbe, un’icona positiva e non negativa, proprio come il messaggio che voglio dare io. Pensavano che volessi farmi pubblicita’ con questa iniziativa, mentre credo di aver creato l’effetto contrario”.

Non ama le etichette, non ama i bacchettoni, tutte quelle persone che devono catalogare ogni cosa e ogni essere umano per poter rassicurare se stessi. Il suo messaggio e’ estremamente positivo e pacifico: non fa altro che invitare i suoi follower a imparare a volare, ad essere piu’ curiosi prendendosi anche meno sul serio.

“Il mio blog e’ un po’ unconventional, e’ diverso, mi permette di dare una possibilita’ agli altri, perche’ non ci sono solo queste miss Italia mancate, queste ragazze perfette con i loro vestiti super griffati. Io non voglio mostrare il mio viso perche’ non ne ho bisogno, io mi muovo nel mondo, viaggio e voglio dare un’idea del mondo giocando”

Questi sono i modelli femminili da prendere come esempio: una donna bellissima che non ostenta la sua estetica, simpatica, che ama mangiare bene, divertirsi, scoprire il mondo, e soprattutto che sa vestirsi con stile, senza spendere troppo. E speriamo che questo suo entusiasmo non si fermi mai.
Per ora prepariamoci a vederla al cinema insieme a Checco Zalone, prima di tornare sul set a Gennaio per il film “Tutta colpa di Freud”, nei panni di una lesbica per il regista Paolo Genevose. Per quanto riguarda il suo blog invece ci promette nuove esaltanti novita’, con qualche nuova sorpresa ironica e provocante in arrivo a Novembre.
“Vi stupiro’ con effetti speciali”, dice lei.
E noi non vediamo l’ora

FOTOGALLERY: Clizia Incorvaia
Foto: Francesco Montefusco

Tags: , , , , ,