Elena Ceste, Gip: “Uccisa dal marito nel letto coniugale”

redazione 30 gennaio 2015

ceste Elena Ceste, Gip: Uccisa dal marito nel letto coniugale

 

Secondo Michele Buoninconti la moglie Elena Ceste era soprattutto una “madre inadeguata”, nonché “una donna infedele e inaffidabile, dedita a coltivare rapporti virtuali con il computer e, quindi, da raddrizzare”: è questo che emerge dal Gip Giacomo Marson, del tribunale di Asti. Il movente dell’omicidio della signora Ceste da parte del marito “va ricercato nell’odio maturato nel tempo” si legge nell’ordinanza di custodia cautelare per Michele.

 

Sono tanti gli indizi contro il marito “ma anche particolarmente pregnanti”, prosegue il Gip, che ricorda il “castello di menzogne” messo in piedi da parte di Boninconti, nel tentativo (reso poi vano!) di depistare le indagini, allontanando da sè ogni sospetto.

 

Inoltre Michele Buoninconti ha “condizionato i propri figli” per depistare le indagini “offrendo un modello familiare diverso dal reale”. Inoltre sempre secondo il Gip la donna è stata uccisa nel letto coniugale, “sorpresa e assassinata dal marito” dopo essersi occupata “della propria igiene personale”.

 

© Social Channel

Tags: ,