Delitto di Udine, le due 15 enni colpevoli: “Sembrava essere in un videogame, ci siamo sentite come in GTA”

redazione 11 aprile 2013

omicio Delitto di Udine, le due 15 enni colpevoli: Sembrava essere in un videogame, ci siamo sentite come in GTA

“SEMBRAVA DI ESSERE IN UN VIDEOGAME” – Ridevano le due ragazze accusate del delitto di Udine, raccontavano divertite di aver ucciso un uomo; subito dopo aver compiuto il folle gesto hanno attaccato i fili dell’accensione della macchina della vittima e sono scappate a 150 km all’ora, imboccando l’autostrada. Questi dettagli della vicenda arrivano dalla bocca di Sonny Rizzetto e Walter Wisdom, i due ragazzi di Pordenone intervenuti alla emittente Tv7 Triveneta, che hanno convinto le due 15 enni, nella notte di domenica, a costituirsi ai carabinieri per aver ucciso il 66 enne pensionato Mirco Sacher. Secondo la ricostruzione dei ragazzi, le due 15 enni avrebbero ripetuto piu’ volte di essersi sentite le protagoniste del videogame GTA, dove lo scopo primario è quello di uccidere, rubare, distruggere tutto quello che vi capita a tiro in giro per la citta’.

LA VIOLENZA SESSUALE C’E’ DAVVERO STATA? - Almeno uno tra Sonny e Walter si sarebbe fatto un’idea diversa rispetto a quello che abbiamo sentito dire in questi giorni, arrivando a dubitare dell’ipotesi di violenza sessuale di cui si parlava soprattutto all’inizio. Sonny ci ripensa e con grande semplicita’ rivela:

“Nel viaggio fatto insieme non hanno mai parlato apertamente di questa presunta aggressione, che le avrebbe dipinte, anche ai nostri occhi, come vittime e per la quale avrebbero avuto tutta la nostra comprensione”.

Tutto quello che le due ragazze si sono ricordate di dire e’ che prima di appartarsi con la vittima, si sono recate con lui in un supermercato per acquistare dei super alcolici. Quello che doveva essere un pomeriggio da sballo, si e’ trasformato in un vero incubo; gli inquirenti stanno cercando di capire come mai la situazione sia degenerata e soprattutto perche’ le due ragazze abbiano impiegato due ore per raggiungere l’autostrada in auto.

C’è infatti un buco di due ore tra il momento dell’omicidio e l’entrata in autostrada: che stiano cercando di proteggere qualcuno?

Tags: ,