CRISTINA AGUILERA si schianta con LOTUS

redazione 16 novembre 2012

AGUI CRISTINA AGUILERA si schianta con LOTUS

Lotus” il fiore della rinascita di Christina Aguilera. Ma stiamo scherzando?! Lotus sono i fiori che le metteranno sulla tomba dopo questo suo ultimo album. Siti e giornali parlano del nuovo disco della cantante platinata come se si trattasse di un grande successo, ma i numeri parlano chiaro Lotus non decolla… sotterra!

ODORE DI FLOP- Il primo singolo di Lotus “Your Body”aveva già fatto da termometro della situazione. In Italia il pezzo di lancio pop-scream (termine appositamente inventato per Christina) era stato totalmente ignorato. Non pervenuto nella classifica nostrana, non ha trovato risultati molto migliori all’estero. In Inghilterra You Body è fuori dalla top 10 ed a mala pena non sparisce dalla top 100 Billboard.

LA CADUTA- Se “Bionic” il penultimo tragicissimo album della Aguilera è stato un “flop”, bisognerà coniare una nuova parola per descrivere la caduta abissale di Lotus. Il disco si stima entrerà nell’album chart con 70/80 mila copie vendute. Anche nella più rosea delle aspettative non si supereranno le 100 mila. Per capire meglio ricordiamo che Bionic ne aveva vendute 110 mila… Il concetto non è ancora chiaro? I One Direction potrebbero superare le 500 mila! Insomma è meglio che Christina sistemi il suo cv da “sciampista”!

PERDUTA- I fans e gli estimatori dei lavori dell’Aguilera non vogliono proprio farsene una ragione, ma il punto è che realisticamente parlando Lotus non è un gran che. È confusionario e già sentito, e con un prodotto del genere è difficile farsi spazio in un panorama musicale già troppo affollato. Inoltre Christina non riesce ancora a trovare la sua identità. Prende un po’ tutto da tutte, ma le altre sono più forti: voleva fare la trasgressiva, ma Rihanna lo è di più, voleva toccare il cuore delle minoranze, ma Beyonce lo fa meglio, voleva essere la cicciotta e con una voce straordinaria, ma Adele l’ha soppiantata, voleva essere la regina bionda, ma Gaga e Madonna se la mangerebbero a colazione.

Tags: