Corte europea dei diritti umani: “Bruno Contrada non andava condannato”

redazione 14 aprile 2015

 Corte europea dei diritti umani: Bruno Contrada non andava condannato

 

Per la Corte europea dei diritti umani, Bruno Contrada non doveva essere condannato per concorso esterno in associazione mafiosa. Il motivo? All’epoca dei fatti, ovvero tra il 1979 e il 1988, il reato non “era sufficientemente chiaro”.

 

Per tale decisione lo Stato italiano deve versare all’ex numero tre del Sisde una cifra pari a 10mila euro, considerati come danni morali.

 

© Social Channel

Tags: ,