Ciao Darwin: italiani vs stranieri

redazione 25 aprile 2016

img 3799 650x365 Ciao Darwin: italiani vs stranieri

La sesta puntata di “Ciao Darwin” ha visto schierarsi le due categorie antropologiche di Italiani e Stranieri. Specchio perfetto della nostra realtà quotidiana questo dualismo, spesso estremizzato dalla politica, non poteva che portare alla luce antichi preconcetti. Primo fra tutti l’idea che lo Straniero sia essenzialmente un invasore, un distruttore e come tale un diverso.

Tutti concetti negativi che con l’atmosfera ludica del programma centrano poco o nulla, come sottolinea lo stesso Bonolis. Ma il gioco ha una sua serietà e questo programma lo dimostra ancor di più. Raffigurazione dell’italiano medio, scompagina spesso il senso comune e, anche questa volta non è da meno.

A catturare l’attenzione, del presentatore in primis, è il volto di una ragazza asiatica. Un volto in lacrime che racconta un disagio. A dispetto delle sue origini lei dichiara di sentirsi italiana, sentimento nato in lei vista la lunga permanenza nel nostro Paese. Sentimento che però non trova conferma nel popolo italiano, o quanto meno in parte di quello con cui fa i conti tutti i giorni.

Ed è proprio questo volto a rimettere in discussione il dibattito in puntata, dibattito che assume tutt’altri toni. L’epifania di quel volto rivela ai partecipanti e non solo, tutta la sua umanità, un’umanità a cui non si può restare indifferenti. Diceva lo stesso Levinàs: se ri-conosco, letteralmente “conosco di nuovo”, mi soffermo sull’Altro, stabilisco una relazione che come tale non può lasciarmi indifferente.

Ogni relazione stabilisce un incontro ed ogni incontro ci pone delle domande a cui è necessario dover rispondere. La puntata di venerdì ha posto Bonolis e tutta Italia difronte a questa domanda: Se siamo qui, esistiamo ora, condividiamo, siamo poi così diversi? L’unica risposta possibile è: <<…Questa immensa differenza che continuano a dire che esiste tra noi in realtà non c’è>>.

Quindi: <<…se voto io, famo pari!>>

Approfondimenti: Link1,Link2

Tags: , ,