CASA MILAN: no kaka, no balotelli no party

redazione 25 gennaio 2013

Se la corda la si tira troppo, alla fine si spezza. Si conclude con un fallimento – forse anche annunciato – la trattativa del Milan per conquistare Kakà e Balotelli.

 CASA MILAN: no kaka, no balotelli no party

L’ULTIMA PAROLA DI SILVIO - Nulla da fare: trattative silenziose, voci che si sono finora rincorse, tanto interesse, ma alla fine nulla da fare. C’era e c’è ancora un vivo interesse per il ritorno in maglia rossonera di Kakà e la casa londinese di Balotelli è già tornata sulla piazza per essere affittata in vista di un possibile ritorno in Italia: nonostante tutto i giocatori restano dove sono, parola di Berlusconi. È stato proprio lui, ospite a Radio2, a confermare l’impossibilità degli acquisti: “Balotelli o Kakà? Nessuno dei due. Non è possibile in tempi come questi… Galliani spera sempre ma poi il linguaggio duro e inevitabile dei conti lo trattiene dall’operare”.

 CASA MILAN: no kaka, no balotelli no party

TROPPO COSTOSI - Il Manchester City non ci sta a cedere Balotelli con diritto e obbligo di riscatto: se il Milan lo vuole deve essere a titolo definitivo e, soprattutto, il prezzo è quello e non si fanno sconti: 25 milioni di euro, tutto o niente! Kakà invece sarebbe anche stato disposto a ridursi lo stipendio, ma ci sono i problemi fiscali: i dirigenti del Real Madrid non sono favorevoli al prestito lungo proprosto dal club rossonero. Galliani vorrebbe trovare 7 milioni di euro per riavere in squadra il brasiliano, ma il suo ottimisto è eccessivo: il Real Madrid vuole ricavare almeno 18 milioni dalla vendita.

Tags: , , , , ,