CARLA BRUNI: “Non c’è bisogno di essere femministe”

redazione 29 novembre 2012

COVER BRUNI 300 CARLA BRUNI: Non cè bisogno di essere femministe

“Io non sono affatto una femminista impegnata. Al contrario, sono una borghese”. Chi non si era accorto di questa ovvietà alzi la mano, e ringrazi Carla Bruni per averlo illuminato sulla sua vita privata. “Mi piace avere un marito – ha osservato inoltre la moglie dell’ex presidente francese Nicolas Sarkozy in un’intervista sul numero di Vogue Paris in uscita il 3 dicembre – Le donne della mia generazione non hanno bisogno di essere femministe”.

 CARLA BRUNI: Non cè bisogno di essere femministe

IL MARITO CHE TUTTE VORREBBERO (?) – Il ragionamento di Carlà fila, dal momento che sposare un uomo come Sarkò è un buon investimento per ogni donna che abbia un pizzico di cervello, un metro di pelo sullo stomaco, un paio di ballerine ai piedi (i tacchi no, Sarkò non è quel che si dice una pertica) e una forte miopia.

Ghigliottina CARLA BRUNI: Non cè bisogno di essere femministe

DONNE TUTTE UNITEVI – Le femministe devono essere sprovviste di tutte queste qualità che abbondano invece nella Bruni e si sono scagliate violentemente contro l’ex modella amica del botox e l’hanno lapidata con commenti al vetriolo sulla suo account di Twitter, capitanate dall’associazione Osez le feminisme.  La Francia, del resto, è sempre stata patria di grandi donne che non hanno voluto farsi mettere i piedi in testa, come Giovanna D’Arco e Maria Antonietta. Entrambe hanno fatto una brutta fine, certo, la prima bruciata al rogo e la seconda ghigliottinata, ma sono passate alla Storia.

Carla Bruni non verrà bruciata e nessuno le taglierà la testa, ma anche lei passerà alla Storia.

Sì, come una grande opportunista.

Tags: , , ,