BYE BYE RAGAZZI: I “GRANDI ESCLUSI” DELLA POLITICA ITALIANA

redazione 26 febbraio 2013

I risultati delle elezioni 2013 rimarranno nella storia della politica italiana per almeno due motivi fondamentali: il trionfo del Movimento 5 Stelle trascinato da Beppe Grillo… ma anche per i nomi eccellenti che – almeno per questo giro – non saliranno sulla giostra del Parlamento, esclusi proprio dalle nuove forze messe in campo dai “grillini” e dalla caduta fisiologica di alcune formazioni, che non sono riuscite a superare lo sbarramento previsto alla Camera e al Senato. Vediamoli nel dettaglio.

road BYE BYE RAGAZZI: I GRANDI ESCLUSI DELLA POLITICA ITALIANA

RIMANGONO A CASA - Gianfranco Fini, leader del Fli ed ex Presidente di quel ramo del Parlamento (la Camera) che ha condotto fino a poche settimane fa, salterà a pié pari la nuova legislatura, come anche Rocco Buttiglione, vero e proprio erede della filosofia DC, sacrificato sull’altare dell’UDC. Nonostante il grande clamore suscitato dalla sua partecipazione a questa tornata elettorale, anche il pittoresco Oscar Giannino, leader del movimento Fare per Fermare il Declino, sconfitto dal responso proveniente dalle urne ma soprattutto dallo scandalo delle lauree inesistenti che si era attribuito, fattaccio che l’avevo indotto a dare le dimissioni dalla presidenza del suo gruppo. “Ritorna al via” anche Antonio Di Pietro, sconfitto con Rivoluzione Civile insieme al transfugo ex grilliono Giovanni Favia  e – naturalmente – Antonio Ingroia, il magistrato che si era candidato premier per il neonato partito, che non ha superato lo sbarramento previsto. Niente da fare per  Franco Marini, ex presidente del Senato ed ex segretario della Cisl. Fuori dai giochi anche il “figlio d’arte” Giuseppe Cossiga, pupillo dell’ex presidente della Repubblica Francesco Cossiga, candidato con Fratelli d’Italia al Senato in Sardegna.

A VOLTE RITORNANO – Per una lunga lista di “trombati” una riconferma a cavallo del paradossale: Domenico Scilipoti, passato nella scorsa legislatura dall’Idv nelle file berlusconiane, è stato eletto al Senato in Calabria. Recentemente il neoeletto è stato protagonista di un gustoso siparietto su Rai 3 nella trasmissione “Brontolo”, condotta da Oliviero Beha:

Nonostante il vento di novità che spira dal Movimento 5 Stelle… certe cose in questo paese non cambiano mai!