A Buenos Aires nasce il frigorifero sociale

redazione 7 maggio 2016

immagine art .3 A Buenos Aires nasce il frigorifero sociale

A Buenos Aires, capitale dell’Argentina, sbarca il frigorifero sociale. Dopo Berlino, e Teheran (Iran) con i suoi kidness wall – payan – ekartonkhabi, (“muri della bontà” – letteralmente – fermare i fenomeni dei senzatetto), l’ultima frontiera per abbattere la povertà passa attraverso questo frigorifero “magico”.

Nata da un’iniziativa dei volontari dell’associazione Red Solidaria, l’idea ha fatto il giro del mondo. Parola chiave: preservare la dignità. << L’idea del frigorifero sociale è di rispettare la dignità delle persone dando loro la possibilità di scegliere, ed è la stessa idea alla base dell’appendiabiti sociale. Invece di dare loro i vestiti in una busta nera della spazzatura, li appendiamo e cerchiamo di creare un ambiente simile a quello di un negozio, dove le persone possono scegliere. >>.

Il frigorifero sociale è stato inserito nella campagna FRIO CERO 2016 – Freddo zero 2016 che da cinque anni in vari punti della città cerca di aiutare i poveri a superare l’inverno.

La postazione di Plaza de Mayo non è casuale: << Siamo qui tutti i giorni per ricordare al governo, qualsiasi esso sia, che le persone hanno bisogno d’aiuto e che le istituzioni non possono far finta di niente. >>. Red Solidaria è attiva sul territorio h24,7 giorni su 7.

Gli ultimi dati INDEC parlano di un 57,5 % della popolazione urbana argentina in stato di povertà, contro un 27,5% in stato d’indigenza. Considerando solo la popolazione urbana, parliamo di oltre 19.000.000 di persone in stato di povertà e di oltre 9.000.000 di indigenti.

Causa principale un tasso elevato di disoccupazione che non permette l’accesso ai servizi e beni di prima necessità, ad esserne più colpiti i minori.

L’associazione Red Solidaria ha tracciato la strada per porre fine a questa piaga, urlando un secco no difronte l’umiliazione che costringe molti a consumare un piatto di nascosto “presentando la donazione in forma più normale”.

 

Approfondimento: Link1;Link2;Link3;Link4.

Tags: , ,