BOA: un morso al razzismo

redazione 4 gennaio 2013

medium 130103 203401 to030113spo 0100 BOA: un morso al razzismo

Spiacevole episodio per lo sport: ieri sera la partita amichevole tra Pro Patria e Milan è stata sospesa dopo i cori razzisti rivolti contro Boateng ed altri suoi compagni.

“BUUU” CONTRO BOA E COMPAGNI - C’erano circa 3mila persone ieri sera allo stadio Speroni di Busto Arsizio: al ’30 tempo, a spezzare il clima amichevole della partita, sono arrivati i cori di alcuni ultà bustocchi che hanno intonato una serie di “buuu” e altri insulti verso Boateng, Emanuelson, Muntari e Niang. È statoproprio Boa a non riuscire a trattenere la rabbia: ha tirato un calcio al pallone contro la rete di recinzione della tribuna, togliendosi la maglia e uscendo dal campo seguito da tutta la squadra. L’allenatore del Milan, Massimiliano Allegri, difende i suoi ragazzi: “Avremmo voluto giocare con tranquillità, ma dopo quanto accaduto i ragazzi erano arrabbiati e non hanno più voluto tornare in campo”. In effetti non è veramente possibile assistere ancora a certe dimostrazioni poco “felici”, per non usare termini più aggressivi e sdegnosi.

medium 130103 203406 to030113spo 0101 BOA: un morso al razzismo

I COMMENTI - Molto dispiaciuto il presidente della Pro Patri, Pietro Vavassori: “Questo Paese deve migliorare, non è possibile che non sia più possibile disputare una partita amichevole” e concorda col lui anche il difensore Devis Nossa che, insieme ai compagni, ha tentato di far ragionare i tifosi senza risultato. La questura di Varese ha già individuato i resposabili contro cui verranno presi provvedimenti. Anche Roberto Maroni ha detto la sua su Twitter: “Cori razzisti contro i giocatori di colore del Milan: una vergogna. Bravo Allegri, giusto ritirare la squadra”. Dalla nota della società rossonera arriva però un monito importante: Isolare le frange estreme del tifo italiano”. Si discosta invece il sindaco di Busto, Gigi Farioli, sostenendo che la reazione del Milan sia stata eccessiva e che Boateng non si sia comportato in modo corretto con quella sua dimostrazione di forza del tutto fuori luogo. Bisognerebbe dirgli che, a volte, è meglio tenere la bocca chiusa.

 BOA: un morso al razzismo

LA “RABBIA” DI MELISSA - Anche la fidanzata Melissa Satta è corsa in soccorso del suo amato Prince e lo ha fatto tramite Twitter con un post davvero ricco di significato: “Vergogna è gente che non merita niente”. Ok che su Twitter c’è un limite di caratteri da rispettare, però Melissa avrebbe potuto sprecare qualche parola in più per il suo quasi marito… e poi, complimenti per l’originalità del pensiero! Comunque Boa avrà apprezzato il suo sostegno… identico a quello di tutti gli altri! Avrà forse copiato la bella Melissa?!

Schermata 2013 01 04 a 12.48.30 BOA: un morso al razzismo

Schermata 2013 01 04 a 12.48.10 BOA: un morso al razzismo

[print_gllr id=12293]

Tags: , , , , , ,