BERLUSCONI E PASCALE NEL MIRINO DEI CONTESTATORI FUORI DAL SEGGIO

redazione 25 febbraio 2013

Un “incidente” piuttosto bizzarro ha segnato – insieme al maltempo – la giornata elettorale di ieri. Tre attiviste di Femen, il movimento di protesta ucraino fondato nel 2008, si sono spogliate al grido di “Basta Berlusconi” all’ingresso della scuola Dante Alighieri di Milano, che ospita il seggio elettorale di Silvio Berlusconi. Inna Shevchenko, Oksana Shachko e Elvire Duvelle-Charles – all’arrivo dell’ex premier – si sono tolte le magliette mostrando lo slogan anti-Silvio sulla pelle, urlato con forza. In pochi secondi, dimenandosi e scalciando, sono state portate fuori – a fatica – dalla polizia, fallendo l’obiettivo di avvicinare il Cavaliere.

large 130224 151002 To240213AP 0230 BERLUSCONI E PASCALE NEL MIRINO DEI CONTESTATORI FUORI DAL SEGGIO

MIMETIZZATE FRA I CRONISTI – Con pass per la stampa al collo, si erano in precedenza confuse fra le decine di giornalisti, fotografi e cineoperatori che affollavano l’atrio in attesa dell’illustre elettore. Le tre femen – una francese e due ucraine - sono state successivamente accompagnate in Questura. Dai primi accertamenti sembra che non abbiano mai partecipato a blitz analoghi nel nostro paese.

large 130224 142213 To240213Cro 0053 BERLUSCONI E PASCALE NEL MIRINO DEI CONTESTATORI FUORI DAL SEGGIO

DICHIARAZIONE “SECCA” – Chi si aspettava una della classiche battute “alla Silvio” è rimasto a bocca asciutta, secca la sua dichiarazione sull’episodio: “Sono esagerazioni: chi ragiona con l’intelligenza non può che votare in una direzione e si comporta conseguentemente. Poi ci sono tutte le situazioni fuori dalla ragione che esistono e non possiamo farci niente”.

large 130224 135451 To240213Cro 0021 BERLUSCONI E PASCALE NEL MIRINO DEI CONTESTATORI FUORI DAL SEGGIO

CONTESTAZIONE IN FAMIGLIA – Anche la nuova fidanzata di Berlusconi non è sfuggita alle critiche fuori dal suo seggio, presso la scuola Lala nel quartiere Fuorigrotta a Napoli.  Cappottone bianco, una elegante borsetta sul braccio sinistro ed una – più vistosa – sul destro, dal quale spuntava il muso del suo minuscolo cagnolino… è stata oggetto di grida da un contestatore all’urlo di “Vergogna“. Lei, in tutta risposta e – una volta tanto con meno self-control del fidanzato – ha prontamente replicato: “Sono i comunisti la vergogna dell’Italia”. Perchè reagire in un modo così esagerato e strumentale: magari l’isolato dimostrante voleva solo riferirsi all’abbigliamento…

135 BERLUSCONI E PASCALE NEL MIRINO DEI CONTESTATORI FUORI DAL SEGGIO