Amanda Knox, accolto il ricorso contro l’Italia

redazione 18 maggio 2016

amanda knox Amanda Knox, accolto il ricorso contro lItaliaAccolto dalla Corte Europea per i diritti dell’uomo il ricorso presentato da Amanda Knox, prosciolta in Cassazione dall’accusa di aver ucciso Meredith Kercher. Secondo la giovane americana il processo subito sarebbe stato iniquo e sarebbe anche stata maltrattata durante l’interrogatorio. Per la Corte di Strasburgo il dossier presentato dagli avvocato della Knox è valido, comunicando il ricorso al governo italiano affinchè possa difendersi.

Violazione dei diritti della difesa, è questo il punto focale sul quale gli avvocati Luciano Ghirga e Carlo Dalla Vedova puntano la loro requisitoria. La notte precedente al suo arresto Amanda Knox fu interrogata senza avvocato. Il provvedimento si rifà ad una pronuncia del 2008 della Corte di Cassazione che confermò la custodia in carcere per l’americana.

I giudici italiani, secondo i due legali, ad ammettere che nell’interrogatorio ci fu violazione dei diritti della ragazza che pur essendo indagata non veniva interrogata alla presenza del suo avvocato.

I legali fanno anche riferimento al mancato rispetto del diritto ad un equo processo e ad un fortissimo stress psicologico al quale l’americana è stata sottoposta durante la fase delle indagini e nei quasi quattro anni passati in carcere. Anche Raffaele Sollecito, ex fidanzato della Knox, accusato e poi assolto, per l’omicidio di Meredith Kercher si è detto soddisfatto della decisione della Corte Europea.

Tags: ,